ER TEMPIO MIO

Er tempio mio è un quinniciventotto
In legno, in sintetico o in asfarto,
A sett'anni d'improviso m'ha sedotto
Me 'o so cucito addosso come n sarto
In tutti st'anni nun me so mai rotto
Ce perdo er sonno, no de certo o smarto.
Chi c'ha sta Fede sa quello che ntenno
Tanti l'adepti e un solo Reverenno

Rime Cestistiche libro di Germano Piroli

"Il grido elogia e il sussurro critica. "
Don Meyer

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per assicurare la migliore esperienza di navigazione. Continuando la navigazione o accedendo a qualunque elemento del sito, accetti l'utilizzo dei cookie.