Genitori bordo campo 1

Genitori bordo campo 2Er fijo ar padre illuso

A’ papĂ  lo devi da capì bbene
nun so’ un gran campione
so’ tu fijo, stesso sangue nelle vene:
te pare poco st’emozione?

 

Puro l’artro giorno m’hai strillato:
“cojone, che te sei magnato!
eri solo sotto ar canestro …
“Te sei incrociato er sinistro cor destro”!

 

Perchè quann’ero piccolo me ridevi
e dorce dorce me parlavi?
Forse campione giĂ  me immaginavi?
Era pe’ quello che me volevi?

 

Perchè me’ nsegnavi a camminĂ ?
Pe potemme vedè in televisione
e a tutto er monno potè urlà:
“So io er padre de quer campione!”

 

Ma si pè me cciai ‘n po’ d’amore,
strilla uguale, dillo a tutti,
fattelo uscì dar core
che i fiji nun so’ mai brutti.

 

Se me capita da litigĂ  cor rimbarzo
e quarcuno strilla:”facce pace!”,
nun pensà a me che so’ troppo scarzo,
pensa solo che a giocĂ  me piace.

 

Nun te fa er sangue amaro,
se l’allenatore me chiama somaro.
E’ sortanto ‘na partita,
nun me sto a giocĂ  la Vita.

 

Si tu me vieni a vedè,
solo che felice mi puoi fare,
nun conta solo vince, devi  sapè
che abbasta pure partecipare .

 

certo che me devo ‘mpegnĂ ,
quando se perde, c’è sempre un perchè,
ma cor pallone nun ce devo magnĂ ,
me bbasta core su un liscio parquet.

 

E si pure fosse de cemento,
me sta bene lo stesso,
se nun te fai pia lo sgomento …
e dopo nun me chiami fesso.

 

Si quarche vorta er pallone nun lo pijo,
nun fa caso alle risate della gente,
pensa a me come ar tu fijo
e dell’artri nun te fregĂ  de niente.

 

Ringraziamo Dio che so’ sano,
nun è poco, damme retta,
e piuttosto damme na’ mano
a nun vive illuso e co’ la fretta.

 

Daje, lascia perde sto sogno,
coro uguale ner vento,
e pure si da 3 nun ce segno,
vedi da esse un po’ contento.

 

PapĂ , seguime passo passo nella Vita,
io senza te nun ce resto,
giocamola insieme ‘sta partita,
sfonnamolo insieme ‘sto cazzo de cesto!

X